LES MISÉRABLES

Signore e signori! Guardino questa creatura, per come Dio l'ha fatta, non è nulla, proprio nulla.

E adesso guardino l'arte, cammina impettita, ha giacca e pantaloni, porta la sciabola! Guardino i progressi della civiltà: tutto progredisce.

La scimmia fa già il soldato; certo non è gran che, è il gradino più basso della specie umana!

Georg Büchner-Woyzeck

Un affresco spietato e immorale sull’oggi, un dramma medio-borghese contemporaneo a tratti familiare, risuona, ne siamo “involontariamente” complici. Una carrellata di stereotipi, di già visti, già detti, agiti. Il teatrino delle miserie umane: corpo e voce a servizio di un penoso corale che fa eco a “Le rane” di Aristofane, o forse ad un’operetta di Offenbach, o ancora alla celebre “Opera” Brechtiana. Staticità e immobilismo in risposta al crollo (fisico, politico, sociale, ambientale...) imminente, evidente. Non ci possiamo fare nulla, troppo tardi, game over; assistiamo impotenti, ne prendiamo atto, facciamo spallucce, sospiriamo e nuovamente ci voltiamo.

Nella domanda “cosa ci sta accadendo intorno?” sta la genesi di questa creazione: un approfondimento sull’attualità internazionale e sulla ricerca di connessioni tra le forme di protesta presenti – raramente fondate sull’idea di evoluzione e rivoluzione umana – e la storica visione illuminista (illuminata), che mette Cultura e Arte al centro del cambiamento. Una creazione che porta nuovamente la Compagnia ad indagare tematiche sociali contemporanee, attraverso un linguaggio anfibio di forte impatto ed un complesso livello drammaturgico a sostegno dell’opera.

Creazione originale Carlo Massari


Con Carlo Massari, Alice Monti, Stefano Roveda, Nicola Stasi


Co-produzione Triangolo Scaleno/Teatri di vetro e Festival Danza in Rete


Con il supporto di AFI Residenze Habitat (BO), Supercinema Tuscania (VT), Teatro India (RM)

Produzione 2020


Durata 60’


Riconoscimenti Selezione NID Platform 2019


Crediti foto Piero Tauro, Paolo Porto